Il Barbecue a Gas da Giardino

barbecue a gas

foto presa da utente Flickr.com: http://www.flickr.com/photos/melancon/

Cucinare all’aria aperta con il barbecue, è una delle soluzione migliori per ritrovarsi in una splendida atmosfera di allegria e divertimento insieme ad amici e parenti. Il barbecue a gas, risulta essere quello più utilizzato sul mercato, anche se è più costoso di un barbecue a carbonella o a gas, è il più adatto per chi ne desidera fare un uso frequente. Potrete utilizzare il vostro barbecue a gas, non soltanto se desiderate preparare grigliate per i vostri ospiti, ma anche per le più variegate ricette a base di carne e pesce: esso consente di scegliere diverse modalità di cottura, utilizzando alternativamente la piastra, la griglia o la fiamma viva. Generalmente, le griglie sono fabbricate utilizzando materiali come la ghisa o l’acciaio, perché sono ottimi conduttori di calore e presentano dei manici che consentono di maneggiarle in piena sicurezza, dato che sono realizzate in materiale isolante. Il barbecue a gas è più costoso dei barbecue a legna o a carbonella, ma richiede una minor manutenzione, costi di alimentazione inferiori ed è più facile da utilizzare, specialmente se siete ancora inesperti in questo campo.

Generalmente, questi tipi di barbecue, presentano delle piastre di cottura realizzate in pietra lavica o naturale, che eliminano il rischio di colatura del grasso dei cibi, preferibile per la cottura di cibi non troppo grassi come il pesce o vari tipi di verdure. Al contrario, se amate cucinare delle pietanze aromatizzandole nella fase della marinatura, con i succhi prodotti dalla cottura, potrete trovare in commercio dei modelli che non presentino piastre in pietra lavica o naturale che consentiranno la scolatura del grasso.

[AMAZONPRODUCTS asin=”B006KOPAJG” locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
[AMAZONPRODUCTS asin=”B00IQ3QBBK” locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
[AMAZONPRODUCTS asin=”B00IDCD18K” locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
Il barbecue a gas presenta inoltre altri numerosi vantaggi, quali quello di mantenere cibi a lungo in caldo dopo averli cotti, prima di servirli in tavola a far riposare i vostri commensali. Molti modelli hanno incorporati anche dei fornelli posti a lati, dove cuocere contemporaneamente altri cibi in pentola.

Il funzionamento

Il barbecue a gas prende il nome proprio dalla materia prima che ne permette l’accensione, ossia le bombole di gas. Proprio per questo motivo, il barbecue a gas è parecchio pesante e dunque difficile da trasportare, specialmente se avete in mente di organizzare gite fuori porta. Tuttavia, proprio grazie alle bombole di gas che lo alimentano, il barbecue raggiunge rapidamente temperature molto elevate, fin sopra i 250 gradi. Dopo l’accensione, degli appositi strumenti denominati bruciatori, permettono al calore prodotto di raggiungere la superficie, sulla quale successivamente verranno poste le griglie di cottura. La temperatura dovrà essere trasmessa in modo uniforme su tutta la superficie, altrimenti si corre il rischio di non cuocere bene il cibo posizionato sulle piastre di cottura. Proprio a tale scopo, i barbecue a gas, prevedono un doppio sistema di bruciatori che consentono di disperdere il calore in maniera uniforme e regolare la temperatura secondo le preferenze della clientela. Potrete facilmente constatare la qualità del vostro barbecue a gas osservando se, durante la fase di cottura, il vostro attrezzo rilascia grandi quantità di fumo o sprigiona fiamme improvvise di elevata altezza. Se riscontrerete ciò , vorrà dire che avrete acquistato un barbecue che non ha un’eccellente qualità. I migliori barbecue a gas infatti, rilasciano solo pochi fumi, in conseguenza della caduta dei succhi di cottura sulle piastre, che riempiranno l’aria di sfiziosi profumi e aromatizzeranno le vostre pietanze. La loro struttura deve essere solida e resistente, così da poter essere utilizzata a lungo e ripetutamente. I tempi di riscaldamento non devono essere troppo lunghi, in modo da non energia e rischiare che il calore si distribuisca in maniera non uniforme. Per cucinare nel massimo della sicurezza, dovrete assicurarvi che la fiamma del bruciatore sia ben riparata, così da evitare l’eventuale scolatura di succhi e grasso sulla piastra che provocano la formazione di fiamme alte e pericolose, senza contare il danno riportato all’ambiente e alla salute dell’uomo a causa della dispersione degli idrocarburi. Per avere il massimo dell’isolamento termico, è importante rifinire ogni singola parte e componente del vostro barbecue a gas. Ricordate bene che le piastre e le griglie di cottura devono essere posizionate, ad una distanza non inferiore ai dieci centimetri, dalla brace o qualsiasi altra fonte di calore, così da tamponarla dispersione di sostanze nocive per la nostra salute.

Dove posizionare un barbecue a gas

Naturalmente, prima di scegliere quale tra i tanti modelli e varietà di barbecue vorrete acquistare, dovrete prestare attenzione a vari elementi:

  • Lo spazio che avete a disposizione;
  • L’utilizzo che intendete farne;
  • La quantità di cibo che di volta in volta vi accingete a preparare;
  • I costi che siete disposti ad affrontare;

Se avete a disposizione un ampio giardino, potrete approfittarne per organizzare delle divertenti e gioiose grigliate. Sarà vantaggioso anche perché non vi creerà problemi riguardo il posizionamento del vostro barbecue a gas. Infatti, con uno spazio così vasto, non riscontrerete difficoltà nell’optare per un barbecue di grandi dimensione, specialmente se siete soliti invitare un gran numero di ospiti, tra amici a parenti, con cui potervi rilassare e gustare delle buona cucina. Questo tipo di barbecue, ha bisogno di un inserto di griglie, che può essere fisso oppure removibile, che presentino dimensione notevoli, dato che non avrebbe senso disporre di un grande barbecue se poi la possibilità di cucinare per un elevato numero di persone è limitato. Mentre i piani di cottura fissi, richiedono l’aiuto di un operatore esperto, i carrelli mobili possono essere smontati e rimontati tranquillamente senza grandi difficoltà e vi consento nodi scegliere il posto che più preferite, magari sotto un portico che vi riparerà in caso di pioggia.. Se vi piacciono le cose in grande, potrete optare più che per un barbecue di grandi dimensioni, per la costruzione di una vera e propria cucina da esterni da collocare in un posto favorevole del vostro giardino, dove magari la dispersione di fumo non crei troppi fastidi anche al vicinato. L’essenziale, in ogni caso, è posizionare il vostro barbecue in punti non esposti al vento, così da evitare che si alzino fiamme alte e pericolose. Contrariamente, se disponete di spazi piccoli, come balconi o verande, non preoccupatevi, perché potrete acquistare dei modelli di barbecue adatti alle vostre possibilità di spazio. Se vi vivete in un condominio e pensate di non poter cucinare per mezzo del barbecue a causa dei fumi e degli odori che potrebbero infastidire il vicinato, cadrete in errore. Infatti molti modelli, offrono la possibilità di applicarvi delle cappe, che vi permetteranno anche di cucinare nei modi più variegati.

[AMAZONPRODUCTS asin=”B00W7VFI48″ locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
[AMAZONPRODUCTS asin=”B000Y3HF3S” locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
[AMAZONPRODUCTS asin=”B0086VJ9RU” locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]

Accessori per barbecue

Per il vostro barbecue a gas, potrete trovare sul mercato, un’infinita varietà di strumenti da quelli più utili a quello non strettamente necessari. Naturalmente, la scelta è rimessa esclusivamente al vostro gusto personale, all’utilizzo che fate del barbecue e in base alle vostre possibilità di spesa. Strumento indispensabile, se desiderata preparare della carne o del pesce, è sicuramente la griglia a libretto. E’ preferibile acquistare due diverse griglie; una da utilizzare solo per la cottura della cerne e una solo per il pesce, così da evitare che i sapori e gli odori si mescolino. Ricordatevi sempre di indossare dei guanti isolanti, così da poter maneggiare con estrema sicurezza, le piastre e le griglie eliminando il rischio di bruciarvi per via delle elevate temperature. Altro elemento che non può assolutamente mancare per la cucina con il barbecue a gas, è il fatidico forchettone che vi risulterà indispensabile, per evitare pericolose ustioni, per verificare la cottura, girare le vostre vivande o toglierle dal fuoco per servirle in tavola. Non dimenticate inoltre, di acquistare delle spatole, di varia forma e dimensione, che vi serviranno per girare alimenti come formaggi, verdure e funghi. Se volete, potrete usare dei pennelli per distribuire i vari succhi di cottura sui cibi, in modo da marinarli per bene e in modo uniforme. Per cucinare la carne, troverete molto utili anche gli spiedini, realizzata in acciaio e col manico in legno, che essendo un materiale isolante, vi permette di evitare spiacevoli bruciature. Quando le vostre pietanze saranno giunte alla fase finale della loro cottura, aiutatevi con gli appositi forchettoni e con le spatole per toglierli dal fuoco e adagiarli su dei taglieri appositi che manterranno sia alla carne che al pesce, di mantenersi in caldo conservando i loro succhi di cottura. Se siete dei cuochi alle prime armi, vi consiglio di munirvi di appositi termometri che misurano le temperature degli elementi e vi permetteranno di capire se i vostri cibi hanno raggiunta l’adeguata temperatura interna. Dopo di che, con l’aiuto di grandi coltelli da cucina, tagliate le vostre pietanze e servitele a tavola ancora ben calde. Per mantenere sempre i ordine e pulito il vostro barbecue a gas, non dimenticatevi di procurarvi delle spazzole in modo da pulire le griglie dopo ogni utilizzo, così da eliminare i pezzi di cibo che di volta in volta vi restano incastrati.

La manutenzione

La principale operazione da compiere se siete in possesso di un barbecue e gas, è quello di controllare frequentemente le bombole a gas che sono necessarie per la sua alimentazione e verificare il livello di gas presente. Altre operazione da effettuare sono per lo più dettate dalle regole di igiene e pulizia che ciascuno di noi dovrebbe eseguire sul proprio barbecue, dopo ogni utilizzo. E’ importante, dopo aver finito di cucinare e aver lasciato raffreddare per un po’ i vari accessori, rimuovere i residui di cibo che vi sono rimasti incastrati, per evitare che col trascorrere del tempo, si incrostino e diventino difficili da rimuovere. Per la pulizia, vi consiglio di non utilizzare prodotti contenenti alcool che potrebbero facilmente rovinare le griglie e i piani di cottura. E’ indispensabile inoltre che evitiate di lasciare per troppo tempo il barbecue esposto all’aria aperte, perché l’azione corrosiva dei agenti atmosferici, potrebbe seriamente danneggiarlo. Una prima mano di pulizia vi sarebbe preferibile passarla quando l’attrezzo è ancora tiepido, in modo da eliminare con facilità i pezzetti di cibo e il grasso che è colato e una successiva e più rifinita operazione va svolta con l’ausilio di spatole e spazzole. Per una maggiore sicurezza, sarebbe opportuno controllare annualmente l’impianto di alimentazione e sostituire immediatamente le bombole vuote.

Costi d’acquisto

Se avete a disposizione un budget piuttosto limitato e pensate di non poter acquistare un barbecue e gas, che abbia almeno una media qualità, vi sbagliate. Infatti, sono presenti sul mercato, vari modelli che si differenziano per grandezze e caratteristiche strutturali, ma che si adattano perfettamente ad ogni tipo di situazione. Naturalmente i prezzi oscillano molto in base ai pezzi aggiuntivi che intendete acquistare quali griglie, piastre e cappe da applicare al barbecue, senza contare il materiale col quale esso è fabbricato. Viene inevitabile pensare che i costi variano in maniera direttamente proporzionale al variare della grandezza dei barbecue; un quelli di dimensioni molto grandi, insieme alle vere e proprie cucine da esterni, possono raggiungere prezzi davvero molto alti.