Le piante da vaso per il giardino

Per chi sfortunatamente è sprovvisto di uno spazio per allestirvi un vero e proprio giardino, ma è ugualmente amante delle piante e del verde, vi è sempre la possibilità di poter decorare il proprio spazio con delle piante in recipienti e vasi di ogni forma e colore. L’unica differenza tra queste piante e quelle che crescono liberamente nel giardino è che le prime richiedono una cura e un’attenzione maggiore per rimanere in vita. Esse abbisognano di un costante apporto d’acqua e di sostanze nutrienti extra. Se non siete disposte a prendervi cura di loro, come fossero quasi parte della vostra famiglia, allora fareste meglio a cambiare idea o finirete nel creare una vasta landa desolata di piante secche.

Le pratiche di potatura, riproduzione, sostentamento e mantenimento generale sono le stesse per il giardinaggio. Adoperate sempre il vaso adatto per ciascun tipo di pianta, così da mantenere le giuste proporzioni. Il contenitore più consigliato è quello di cm 5 più largo del diametro delle radici e cm 10 più profondo. Dopo un anno che avrete piantato la vostra pianticella, sarà necessario rinvasarla in un recipiente più grande, stando sempre attenti nel mantenere le giuste proporzioni tra il vaso e la pianta stessa.

Prestate sempre attenzione che le radici non crescano attraverso il vaso, in tal caso, provvedete a rinvasare.

Controllo del clima

Una delle prima cose che dovrete controllare per proteggere le vostre piante esposte su un balcone o in un giardino esposto a forti venti e correnti, è che queste non siano dannose o in alcuni casi mortali per la vostra vegetazione. Per un balcone sarà sufficiente posizionare uno schermo di vetro che sia resistente alle intemperie in modo da fornire protezione, ma che non nasconda la bellezza e l’incanto delle nostre creazioni. E’ importante scegliere anche la giusta posizione in cui le piante possano usufruire della giusta quantità di luce solare, senza che questa sia eccessiva altrimenti risulterebbe dannosa, come nei mesi estivi. E’ essenziale fabbricare un riparo anche in questi casi.

Piante adatte a crescere in vaso

I vostri recipienti potranno ospitare qualsiasi tipo di pianta, da quelle commestibili come erbe aromatiche o piante vegetali a quelle acquatiche, oltre a piccoli arbusti che però dovrete potare nel giro di pochi anni. Prestate sempre attenzione nel procurarvi il giusto concime per ogni specie di pianta che andrete a piantare e per le piante amanti dell’acqua, utilizzate dei recipienti impermeabili così che trattengano meglio l’acqua nel momento in cui le andrete ad innaffiare. Naturalmente dovrete scegliere delle piante che abbiamo bisogno dello stesso apporto di acqua e sole se vorrete impiantarle nello stesso recipiente, altrimenti rischierete di vanificare tutto il vostro lavoro.

Inoltre la comodità dei recipienti è che essi vi permetteranno di far crescere delle piante che altrimenti non troverebbero vita nel vostro giardino. Per esempio il rododendro che ha bisogno di un terriccio acido per sopravvivere non potrebbe trovate il proprio habitat in un giardino ricco di calce, ma in un recipiente di concime acidosì.

Vi sono poi delle piante nane come molti agrumi, varietà di pesche nane e mele minuscole, che rimangono piccole all’interno dei vasi. Ideali per la crescita nei recipienti sono i pittospori come le camelie, che richiedono un terreno acido per la loro crescita. Tra gli arbusti adatti ai recipienti annoveriamo l’abutilon, le brugmansie, la varietà di Camelia x williamsii, le vigorose fucsia, le hebes e gli arbusti di veronica, i rododendri e le azalee.

E’ molto importante, quando si invasano piante per un balcone o un terrazzo sul tetto, tenere sempre in considerazione il peso. Non bisogna solo conteggiare il peso del recipiente, ma anche quello del contenuto una volta essere stato annaffiato. Per scegliere dei giusti recipienti e dove posizionarli, fatevi consigliare da un esperto ingegnere e sicuramente non correrete rischi inutili.

Estetica

Per rendere il vostro giardino unico e ancor più bello da ammirare, così da lasciare esterrefatto chi vi si trova ad attraversarlo,concentratevi sui colori e sulla vasta varietà di piante. Fate in modo di utilizzare il più ampio numero di arbusti e piante sempreverdi, in modo da non creare monotonia. Stuzzicate la fantasia e l’interesse dei vostri ospiti colpendoli con messinscene, piante dal folto fogliame, e colori accessi che magari cambieranno a seconda della stagione in cui ci troviamo. Piante come il bosso, il ligustro o il mirto, ma anche l’agrifoglio, il rosmarino e la lavanda sono tra i sempreverdi più utilizzati perché sono facili da tagliare e si prestano ad essere modellati come meglio preferiamo all’interno dei vasi.

Ricordate che i vasi possono essere utili anche per conservare i bulbi durante la stagione inattiva, così da poterli riportare poi alla luce quando sbocceranno.

La scelta del vaso

Vi sono vari stili di vasi tra cui potete spaziare per la scelta dell’arredamento del vostro giardino, di diversa forma, dimensione e materiale. Dalla semplice terracotta o dalla pietra interessante al metallo di buona qualità e al legno più raffinato. Non è molto consigliato l’uso della plastica data la sua scarsa resistenza e la mancata disponibilità di colori adatti alle scenografie dei vostri arredamenti esterni. Infatti la gamma di colori che potrete utilizzare è composta essenzialmente da colori troppo accesi e luminosi, tali da influenzare troppo l’immagine del vostro giardino.

Come alternativa alla plastica si potranno utilizzare dei contenitori in filo di metallo. Dovrete poi foderarli di muschio per bene onde assicurarvi che non fuoriesca il concime. Per questo genere di vasi ricordatevi di mescolare gelatina in granuli al composto da invaso, così da evitare che la mescolanza si secchi in tempi troppo rapidi. Durante la stagione estiva dovrete dare acqua ai vasi pensili almeno due volte nell’arco della giornata.

La scelta delle dimensioni

Esistono vasi di tutti i tipi; dai grossi barili ai minuti vasetti di terracotta, da quelli adatti a rimanere a terra a quelli che possiamo attaccare alle pareti o appoggiare sulle mensole. Potrete anche far tornare utili degli oggetti che credevate inutili e ormai da buttare come vecchie reliquie o scolapasta dimenticati in qualche angolo della vostra cucina e trasformarli in insoliti vasi da giardino. Se volete coltivare piante commestibili dovrete accertarvi che esse abbiano spazio sufficiente in cui affondare le loro radici molto profonde. Un’altra possibilità da prendere in considerazione sono le così dette “grow bag” cioè sacchi di plastica da riempire con il concime e da posizionare all’interno del vostro guardino. Non è proprio la scelta decorativa migliore che avete, specialmente se dovete abbellire dei piccoli spazi, ma è sicuramente tra le più economici. Un’altra opzione che avete è quella di un gruppo di vasi, soluzione più che adatta per spazi esigui. Potrete variare l’aspetto del vostro guardino giocando sulle altezza e le dimensioni dei vari vasi, accostando quelli più alti e grossi e a quelli bassi e piccoli, sfalsando anche l’altezza delle stesse piante in modo da far saltare all’occhio le diverse varietà di fiori.

Rispondi

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!