La Tettoia per il Giardino

tettoia giardino

La tettoia è una tipica struttura da esterni, consiste in uno spiovente in grado di creare una sorta di spazio all’aperto riparato da piogge ed altri fenomeni atmosferici. Lo scopo della tettoia è quindi molto chiaro:

  • se è annessa al caseggiato, essa offre la possibilità di sfruttare un prolungamento dello spazio interno anche al di fuori dello stesso, nel giardino appunto, proteggendo una veranda od un piazzale attiguo all’abitazione;
  • se è realizzata a parte, permette di creare zone riparate isolate dal caseggiato, utilizzabili per varie attività.
[AMAZONPRODUCTS asin=”B00OK9IDBU” locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
[AMAZONPRODUCTS asin=”B00F0AQJGE” locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
[AMAZONPRODUCTS asin=”B009413W6A” locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
Grazie alla tettoia, si possono realizzare zone semiaperte, al di sotto delle quali si vanno a posizionare tavoli, sedie, vasi e fioriere, e si creano quindi i presupposti per ospitare amici e conoscenti all’interno del giardino. Viceversa, si può avere uno spazio dove godersi un po’ di quiete in solitudine, su di un amaca o un dondolo. La tettoia, nel senso tecnico della costruzione, viene costruita in vari modi, può essere più o meno piatta o spiovente, per permettere la fuoriuscita dell’acqua. In ogni caso potrebbe aver bisogno di una grondaia per controllare ed incanalare il flusso dell’acqua. Questa struttura può essere situata in vari punti della casa, spesso può affiancare il caseggiato, altre volte invece la si può trovare distaccata dalle mura e piazzata in altre zone come struttura a sé stante. Ogni tettoia inoltre può essere edificata in materiali differenti, ed avere o meno l’appoggio di pali verticali alla base. Dal punto di vista estetico, questa struttura, risulta essere un elemento aggiuntivo molto decorativo, va però abbinata necessariamente al caseggiato, per permettere quindi di dare maggior lustro a tutto il contesto.

L’utilizzo della tettoia

Una tettoia, come anticipato, ha il fondamentale scopo di creare una zona appartata, chiusa sulla sommità e, se addossata alle pareti della casa, protetta anche su qualche lato. Al di sotto della tettoia, potrete disporre di una zona che resterà asciutta e protetta dalle intemperie anche durante acquazzoni e temporali. Questo spazio può essere utilizzato per:

  • disporre di un prolungamento del caseggiato, che riparerà il tratto iniziale dell’abitazione, l’ingresso, o l’entrata del cancello, evitando così che l’acqua si infiltri fin dentro casa;
  • piazzare tavoli da giardino e sedie, che resteranno all’asciutto e godranno di ulteriore protezione anche contro il sole battente;
  • riparare dalle intemperie strumenti da giardinaggio ed altri attrezzi per il giardino, come anche un barbecue ecc…;
  • se non avete un garage o un box auto, perché non avete sufficiente spazio, una tettoia potrà darvi l’occasione di riparare sotto di essa automobili, cicli e motocicli.

I materiali di costruzione

Come già accennato, non esiste un unico tipo di tettoia, anzi, questa può essere costruita in tante maniere differenti. Una caratteristica che contraddistingue in maniera molto marcata una tettoia dall’altra, è il materiale di costruzione. A seconda infatti degli elementi con cui viene costruita,una tettoia ha differenti caratteristiche tecniche ed estetiche. La tettoia può essere costruita:

  • in legno: materiale nobile e naturale, consente di realizzare una struttura che si integra perfettamente con l’ambiente e la natura. Una simile struttura in legno è molto diffusa nei caseggiati di montagna, ma figura bene anche in ville con giardini molto curati;
  • in ferro battuto: una tettoia realizzata in questo materiale metallico ha grande pregio e grandi doti sia tecniche che artistiche. È un elemento resistente e duraturo, pesante e stabile, capace di arricchire molto fortemente il contesto, con fregi e decorazioni;
  • in cemento: la tettoia in cemento è una struttura semplice, senza troppi fronzoli artistici o giochi decorativi. Molto adatta allo stile urbano, ma in generale è usata in qualunque situazione. Garantisce elevata stabilità e resistenza nel tempo.

Qualunque sia il materiale usato per la costruzione di una tettoia, ricordate che la caratteristica più importante deve essere la resistenza: essa deve reggere il peso del tetto, di qualsiasi materiale è realizzato. La struttura portante, sia essa di legno o metallica, deve essere solida e ben stabilizzata: per questo motivo la maggior parte delle tettoie, seppur attaccate alla parete, poggiano su pali realizzati sui vertici della struttura. L’intelaiatura va progettata con scrupolosa precisione, e soprattutto nel caso si proceda con lavori tipo fai-da-te, è bene farsi consigliare da persone pratiche, o comunque lasciarsi seguire da qualcuno con una certa esperienza.

[AMAZONPRODUCTS asin=”B00JFP6SL6″ locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
[AMAZONPRODUCTS asin=”B00L66YRGK” locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
[AMAZONPRODUCTS asin=”B01C7AOS12″ locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]

Diversi tipi di tettoia

Le tettoie hanno tutte la medesima funzione, ma dal lato artistico, possono avere un differente impatto sul giardino e sul contesto. Ogni tettoia può differire dall’altra a seconda dell’uso che se ne fa, e di conseguenza avere anche un differente impatto visivo ed artistico sul giardino. Dal punto di vista architettonico, le tettoie possono essere realizzate secondo design diversi:

  • alcuni modelli hanno basi arcuate, sono molto belli da vedere, hanno colonne portanti realizzate con mattoni in vista e possono dare un grande contributo artistico a tutto lo spazio all’aperto, integrandosi con il caseggiato in maniera perfetta;
  • altri modelli sono invece più squadrati nelle forme, nascono in contesti meno ricchi artisticamente e puntano soltanto agli scopi pratici, offrono un riparo stabile ma che non ha un grande impatto artistico.

Altre differente significative le troviamo nella copertura della tettoia, realizzata in:

  • legno: le tettoie costruite in travi di legno sono sicuramente molto belle da vedere, il legno infatti è un materiale che facilmente si abbina ai giardini e gli spazi verdi, ma va trattato a dovere per resistere alle condizioni degli esterni. Questo elemento infatti va trattato con sostanze anti insetto ed impermeabilizzato;
  • tegole: la tettoia più classica è quella realizzata in tegole. Riprende gli stessi elementi costitutivi del tetto dell’abitazione e si integra perfettamente con essa. Appare una naturale continuazione del caseggiato e fa sembrare più grande ed importante l’abitazione stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!