Ringhiera in legno

ringhiera in legno per esternoLa ringhiera in legno è un elemento molto utilizzato all’interno di piccoli e grandi giardini, ma in generale per ogni spazio aperto, il suo scopo è quello di delimitare e bordare alcune zone interne, rimarcando le aree importanti del giardino e dando al complesso un senso armonico. La ringhiera è una schermatura costituita da parti verticali, parallele e più o meno fitte a seconda dei modelli, intersecate da assi orizzontali che fermano e chiudono la struttura, rendendola stabile, mentre paletti o pali di dimensioni più robuste ancorano il tutto al terreno.

[AMAZONPRODUCTS asin=”B00NNO1T46″ locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
[AMAZONPRODUCTS asin=”B00SHB5XK6″ locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]
[AMAZONPRODUCTS asin=”B00S5X3G6O” locale=”it” desc=”2″ ][/AMAZONPRODUCTS]

L’altezza, la lunghezza ed in generale anche le altre dimensioni sono molto variabili, ma in generale, almeno l’altezza, non dovrebbe essere troppo pronunciata, per non coprire lo sguardo della persona, ma arrivare a creare un appoggio per le braccia. Dai modelli più semplici e spartani, il cui unico scopo è di definire e delimitare uno spazio, si è avuta col passare del tempo una continua evoluzione del modo di intendere questo tipo di schermatura, che oggi viene scelta con molta cura e considerata un elemento importante per l’estetica di tutto il giardino.

Gli artigiani del legno, fabbri ed intagliatori, riescono a dare vita ad opere molto raffinate e di grande qualità, plasmando lavori molto complessi, dove si intrecciano motivi e disegni difficili da realizzare, che danno al giardino una grande ricchezza artistica. Il legno è considerato il materiale naturale per eccellenza nell’arredamento per esterni, dà un senso di calore, di naturalezza, invita l’ospite ad entrare e lo mette a suo agio. Arredare con elementi in legno vuol dire puntare a sottolineare il legame dell’ambiente antropico con il naturale, realizzando un clima dove è la natura a dominare sull’uomo, e non il contrario. La calda armonia del legno si esprime tramite ogni varietà di legname, e passa attraverso le venature, i nodi in vista ed anche le imperfezioni, esaltando il fascino di alberi, arbusti e piante da fiore.

Il legno ha il pregio di essere accogliente ma non troppo invasivo, non si impone in maniera troppo forte sul paesaggio, quindi non soffoca la visuale, e non opprime le componenti naturali del giardino, ma riesce ad integrarsi perfettamente con esse. Mentre ringhiere in ferro possono dare a volte un senso di pesantezza, quelle in legno sono più leggere ed armoniose e danno maggiore respiro alla struttura, pur contribuendo a creare simmetrie e linee geometriche, che però risultano meno marcate. Il naturale impiego di ringhiere in legno, è quello di cingere piccole gradinate esterne, oppure di accompagnare la camminata su ponticelli in legno e vialetti, o ancora di delimitare balconate e piazzette sopraelevate. In questi casi una ringhiera in legno crea un punto di appoggio per il corpo e per le braccia, permette di ripararsi e da la possibilità di fermarsi ad ammirare dall’alto il panorama.

Le ringhiere in legno vengono altresì utilizzate per creare zone adibite ai bambini, separate dal contesto, per proteggere ad esempio zone coltivate o dove crescono piante delicate, oppure ancora per circondare rimesse per gli attrezzi. Molto spesso si usano schermature in legno per definire ed arricchire le zone living per esterni, come l’area pranzo con il barbecue, oppure il gazebo, creando una sorta di salotto all’aperto. Naturalmente non confondiamo le ringhiere in legno, che arrivano ad un metro o poco più da terra, con le grate in legno, strutture in genere alte anche più di due metri, usate per dare ombra, rinfrescare, arredare e creare stanze interne al giardino.

Il costo di una ringhiera in legno non è eccessivo, ma molto varia a seconda del tipo di legno impiegato. Sul mercato si può spaziare da prodotti aziendali, disponibili e visionabili nei listini delle singole imprese, fino a prodotti interamente artigianali, realizzati appositamente su richiesta del cliente, e per i quali bisogna richiedere un preventivo.

L’ultima cosa da tenere presente è la manutenzione del legno, che essendo un materiale naturale, è per sua natura purtroppo facilmente deteriorabile. Il legno si rovina con il passare del tempo, a causa di umidità, acqua, e ghiaccio, che possono causare muffe e imperfezioni, ma possono anche riscontrarsi danni da insetti. A causa di questo, il legno va trattato periodicamente con una serie di prodotti appositamente concepiti per mantenere integri nel tempo la vitalità e la bellezza del legno.

Rispondi

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!